RICETTE, VOGLIA DI DOLCE

Cantucci toscani

4 Gennaio 2017
cantucci

Quando io e Martina ci siamo conosciuti ho scoperto molte tradizioni toscane che non avevo mai gustato. Quella che più mi è rimasta nel cuore è la bontà dei cantucci, i biscotti secchi alle mandorle famosi in tutta la Toscana.

Sono letteralmente innamorato dei cantucci, ne mangerei in quantità smisurate perché mi piace moltissimo quella loro crosticina croccante esterna e il loro cuore più morbido, in cui si incontra il sapore deciso della mandorla. Dal momento in cui li ho scoperti per la prima volta non posso farne a meno.

Martina, oltre che quelli classici alla mandorla, ne fa alcuni con le gocce di cioccolato perché un tocco di golosità in più non guasta mai. Tradizione vuole che si puccino nel Vin Santo, ed è un’accoppiata perfetta, ma a noi piacciono tanto in qualunque momento della giornata.

cantucci

LA STORIA DEI CANTUCCI DI PRATO

La storia dei cantucci è secolare. Un manoscritto conservato all’Archivio di Stato di Prato, probabilmente risalente al basso medioevo, è la prima attestazione della ricetta. I biscotti, qui chiamati, alla genovese, sono stati fortemente identificati con Prato, tanto da chiamarsi anche comunemente biscotti di Prato, ma la loro localizzazione (quasi tutta la Toscana) e l’origine del nome (cantuccio deriva da cantellus, pezzo di pane) identificavano un’ampia gamma di prodotti non ricollocabile nella sola Prato.

I cantucci ricevono la loro attestazione ufficiale nella terza edizione del Dizionario della Crusca (1691) che li definisce: “biscotto a fette, di fior di farina, con zucchero e chiara d’uovo”. Curiosa l’assenza delle mandorle che, in effetti, arriveranno solo nell’ottocento per volere di una grande amante del cibo come Caterina de Medici (ricordate la storia dello zuccotto?).

Prato ritorna prepotentemente a legarsi ai cantucci nel XIX secolo, quando il pasticciere Antonio Mattei crea la ricetta poi diventata famosa in tutta Italia. Nella bottega Mattonella di Prato, il nome popolare con cui era conosciuto Mattei, si conserva ancora oggi la sua ricetta personale.

INGREDIENTI per i CANTUCCI:

600 g farina
400 g zucchero
50 g burro
4 uova
mezza bustina di lievito
scorza grattugiata di limone o arancia
mandorle, gocce di cioccolato

PROCEDIMENTO per i CANTUCCI:

  • I cantucci è obbligo prepararli a mano come vuole la tradizione, poi è anche più divertente!
  • Versate la farina a fontana su una spianatoia. Aggiungete il lievito, la scorza agrumata, lo zucchero e le uova, cominciate a mescolare con l’aiuto di una forchetta. Aggiungete i tocchetti di burro e continuate a mescolare incorporando la farina dai bordi.
  • Quando comincia ad addensarsi tuffateci le mani e impastate energicamente. Formate una pagnotta e da questa ricavatene quatto parti. Ad ognuna delle quattro parti aggiungete la guarnizione che preferite, mandorle e gocce di cioccolato.
  • Formate quattro filoni e mettetene due per teglia, rivestita da carta forno.
  • Cuocete a 180° per 20 minuti circa, devono colorare ma non eccessivamente.
  • Sfornate e fate raffreddare qualche minuto, quindi tagliateli nella classica forma obliqua dei cantucci.
  • Disponeteli nuovamente sulla teglia e procedete con la seconda cottura, cui il nome di bis-cotti.

taglio-cantucci

  • Infornateli 180° per 15 minuti. Sfornateli e lasciateli raffreddare a temperatura ambiente.
  • Il cantuccio si indurisce, ma non preoccupatevi perché diventano ancora più inzuppabili e croccanti.

Ora, mentre voi vi mettete ai fornelli per preparare questi deliziosi cantucci, io mi occuperò di fare un po’ di pulizia. La mia tastiera è piena di briciole…saranno stati i cantucci che mi sono mangiato mentre scrivevo l’articolo?

You Might Also Like

No Comments

La tua opinione è importante

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: