MILANO DA MANGIARE

Mantra Raw Vegan a Milano: colorato e vegano

24 gennaio 2018
Mantra Raw Vegan

Visto il grande successo che ha avuto il risto-racconto di Flower Burger settima scorsa, abbiamo pensato di completare un discorso sulla cucina vegana andando a provare il ristorante che a Milano ha portato la cucina vegana ai piani alti: Mantra Raw Vegan, il primo ristorante vegano crudista in Italia.

MANTRA RAW VEGAN: A RAW CONCEPT

Questo ristorante lo abbiamo conosciuto al Taste of Milano di tre anni fa e ci colpì per un dolce al cioccolato strepitoso. Come suggerisce il nome, non solo si tratta di un locale vegano, ma anche crudista. Nulla viene cotto e non c’è traccia di derivati animali nei piatti. I due capisaldi dello chef Alberto Minio Paluello fanno sì che dalla cucina escano piatti molto fantasiosi ed elaborati.

PROVIAMO QUESTA CUCINA VEGANO CRUDISTA

Frost e Tostavo sono il nostro primo impatto con la cucina vegana di Mantra Raw Vegan. Assomigliano a due bruschette, sono molto colorate e floreali. Tostavo è un pane crudo ai semi con crema di avocado, pomodoro pachino, finocchio al limone, erbe e fiori. Curiosa l’idea del finto pane, ma abbiamo trovato un po’ troppo predominante la crema di avocado.

Frost è un pane crudo di carota e semi, formaggio di anacardi, funghi marinati ed erbe. Ci ha colpito di più il Frost, un gusto più elaborato, maggior differenziazione delle consistenze e anche più particolare negli ingredienti.

Mantra Raw Vegan

Proseguendo Marty ha preso degli spaghetti di carota e pastinaca allo zafferano e arancia, con salsa all’uvetta e olio al prezzemolo. Molto buoni ed equilibrati. La consistenza  croccante delle verdure si sposa con la cremosità della salsa. Lo zafferano ci piace molto e sprigiona sempre un profumo intenso e suadente.

Mantra Raw Vegan

Io ho optato per dei ravioli di zucca, ripieni di pinoli e spinaci, pesto di coriandolo e semi di zucca, mela in agrodolce. Non male come piatto, sicuramente molto bello, ma ho trovato un po’ fastidioso il forte amaro del coriandolo che rimane in bocca.

Mantra Raw Vegan

Sui dolci non avevamo dubbi: sono davvero, davvero buoni e, spassionato consiglio, da provare assolutamente.

Martina ha preso la cheesecake al lampone, base di essenza alla rosa e sale dell’Himalaya, guarnita con granola. Ottima, soprattutto la crema. Il gusto del lampone è predominante in tutta la sua naturalezza.

Mantra Raw Vegan

Io ho scelto il tiramisù con base di nocciola all’essenza di caffè d’orzo e crema al cocco. Bello e buono, un dolce che sazia abbondantemente e chiude in golosità il pranzo.

Mantra Raw Vegan

DA MANTRA RAW VEGAN ANCHE IL CONTO È LEGGERO

Il conto nella formula easy lunch è davvero conveniente: 20 €. Abbiamo passato piacevolmente il tempo, l’atmosfera del ristorante è rilassante e il servizio è calmo e pacato.

L’importanza di Mantra Raw Vegan per la comunità vegana di Milano è enorme, perché in molti locali abbiamo visto la linea di prodotti targata Mantra, soprattutto per quello che riguarda gli smoothies. Inoltre all’ingresso del ristorante c’è un piccolo market in cui è possibile acquistare prodotti sfusi.

Dai dai che siamo curiosi. Andate a provarlo e scriveteci, siamo curiosi dei vostri pareri sulla cucina vegana crudista.

Mantra Raw Vegan

You Might Also Like

No Comments

La tua opinione è importante

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: