MILANO DA MANGIARE

Officina 12 sui Navigli: la domenica è “meat on fire”

31 gennaio 2018

In questo gennaio vi abbiamo parlato di cucina vegana, ma lo sapete benissimo che siamo dei carnivori convinti e la carne rappresenta uno dei nostri cibi più amati e consumati. Appena abbiamo adocchiato la nuova iniziativa di Officina 12, il The Sunday Meating on fire, ci siamo lanciati. Non potevamo farci sfuggire la prima serata di questa nuova serie di appuntamenti carnivori dell’Officina 12. 

CARNE ALLA BRACE ALL’OFFICINA 12

Il ristorante lo conosciamo di nome, essendoci passati davanti molte volte durante le nostre passeggiate sul Naviglio Grande, ma entrando siamo rimasti sorpresi da quanto sia “figo”. Officina 12 è uno di quei locali dove la luce soffusa e l’atmosfera frizzante ti fanno stare bene. La sala della brace è separata dal resto del locale, creando così un contesto più intimo.

officina 12

Protagonista di appuntamenti domenicali bimensili sarà la carne. Un qualità diversa ogni domenica, declinata in tagli e cotture differenti per vivere un percorso gustativo eccezionale. La prima serata è stata dedicata alla Vaja Vieja, una mucca da latte matura (dai 6 ai 15) proveniente dalla provincia spagnola di León.

Particolarità molto apprezzata è la presenza in sala dei produttori, in questo caso l’azienda Vacum, leader dell’allevamento della Vaca Vieja spagnola. Il produttore ci ha spiegato di persona il metodo di allevamento (1000 m. di altura, foraggiata ad erba e cereali) e, soprattutto, il tempo di frollatura della carne (minimo 15 giorni, fino a 60), la vera carte vincente per dare un sapore unico a questo tipo di bovino.

Per la nostra cena carnivora è stata scelta una frollatura di 21 giorni.

DOPO LE SPIEGAZIONI, È L’ORA DEL MEAT ON FIRE

Comprese le caratteristiche della carne, giunge il momento di gustarla. La nostra cena viene accompagnata da un calice di Rioja, un vino rosso DOC tipico del nord della Spagna, con una tradizione secolare.

L’entrée è costituita da una stuzzicante cistorra, una salsiccia dolce di chorizo con germogli di peperoncino dolce, che ci apre lo stomaco. Abbiamo fame e vogliamo carne.

officina 12

La prima portata è quella che, secondo noi, permette di gustare al meglio il sapore della carne: la tartare al naturale. Dal primo assaggio capiamo che la carne di Vaca Vieja è ottima. Gustiamo ogni forchettata della tartare e vorremmo che non finisse mai.

officina 12

Dopo esserci gustati la carne al naturale, passiamo alla picanha, uno dei nostri tagli preferiti. La carne è stata cotta a bassa temperatura e poi rigenerata alla brace. Fondamentale nella picanha è cuocere bene lo strato di grasso, perchè darà molto gusto al taglio.

L’eccellente picanha di Officina 12 è accompagnata da un duo di salse: una teriyaki e una barbecue, entrambe prodotte in casa, fantastiche per accompagnare la carne, senza che prevalessero sulla regina del piatto.

officina 12

Se io ho apprezzato maggiormente il sapore della picanha, Marty ha trovato il suo piatto preferito nel cube-roll. Taglio posteriore bovino di grande pregio, caratterizzato da una marezzatura marcata che, in cottura, rende la carne tenera come il burro.

Il nostro cube-roll è ottimo, cotto benissimo, con il centro succoso e la parte esterna croccante, con un profumo di brace fantastico. Per accompagnare una carne così, le due salse di accompagnamento scelte sono dolci, per smorzare lo smoky-flavour: una salsa al passion fruit e una con miele e mostarda.

officina 12

Concludiamo la nostra buonissima cena carnivora con la piccola pasticceria dello chef. Dolci semplici che non appesantiscono e servono a dare quel tocco zuccherino irrinunciabile a fine pasto.

officina 12

MEAT ON FIRE PROMOSSO A PIENI VOTI

Il primo appuntamento da Officina 12 è stato un successo. Abbiamo apprezzato la possibilità di conoscere un bovino rarissimo in Italia, gustarlo in vari tagli e cotture, e parlare direttamente con i produttori. Serata a tema come questa servono per andare oltre al cibo, scoprire delle novità da ritrovare magari in futuri viaggi in terra iberica.

Inoltre anche il prezzo è veramente accessibile. Con 40 € potrete gustare una cena notevole, gustando ogni piatto senza uscire appesantiti.

Nota di merito per il servizio, giovane, premuroso e perfetto nelle spiegazioni. Spesso ci dimentichiamo di quanto un bravo cameriere possa far la differenza in una cena.

Da buoni amanti della carne seguiremo con particolare attenzione il calendario dei prossimi eventi. Siamo curiosi di sapere quali nuove eccellenti carni arriveranno in tavola…forchetta e coltello di Spignattando sono già pronti! 

You Might Also Like

No Comments

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: