IN VIAGGIO CON LA FORCHETTA, ITALIA

Retrobottega Roma: un’esperienza culinaria unica

8 Giugno 2018
retrobottega roma

In tanti ristoranti abbiamo mangiato divinamente bene, ma l’esperienza culinaria che abbiamo vissuto da Retrobottega Roma è stata unica, qualcosa che ha superato qualsiasi concetto preesistente di fine dining. Da Retrobottega non abbiamo solo gustato degli ottimi piatti, abbiamo vissuto a 360° la sua cucina e la sua idea di ristorazione, in quella che è stata l’esperienza culinaria migliore della nostra vita.

Desideravamo moltissimo andare da Retrobottega, un ristorante che invidiamo tantissimo a Roma. La sua storia è articolata, nato nel 2016 con un concept completamente fuori da ogni schema precostituito, si è evoluto recentemente fino a diventare la creatura che abbiamo provato durante il nostro recente viaggio romano. Lo definiremmo un laboratorio gastronomico, dove il cliente è spettatore privilegiato della magia degli chef.

COSA RENDE UNICO RETROBOTTEGA ROMA

Da Retrobottega non si va solo per mangiare, si va per vivere un’esperienza. Per immergersi in un rapporto strettissimo tra le materie prime, i piatti, la sala, la cucina e il cliente. Ogni aspetto della cena si lega, si fonde, si unisce con gli altri.

È un armonia di gesti e profumi, movimenti e sapori. Il cliente da Retrobottega è spettatore di uno spettacolo culinario, in cui il piatto viene assemblato sotto i suoi occhi, al bancone. Noi abbiamo passato la cena a guardare le mani ipnotiche del nostro chef al pass concludere i piatti. Tutto è perfetto, l’atmosfera, il cibo, il servizio, la cucina.

La formula degustazione del ristorante prevede la possibilità di scegliere 5 piatti dal menù alla carta e crearsi il proprio menù degustazione.

retrobottega roma

IL NOSTRO MENÙ DEGUSTAZIONE DA RETROBOTTEGA

Lo spirito del ristorante non ti pone semplicemente alla scelta di scegliere cinque piatti, ma ti induce a creare un  autentico percorso degustativo. Per rendere possibile questo, i due deus ex machina di Retrobottega, Giuseppe Lo Iudice ed Alessandro Miocchi, hanno formato uno staff di sala e di cucina che lavora come un’orchestra, in cui ogni gesto è una nota da eseguire alla perfezione.

Bietola, mandorle e parmigiano. Cosa c’è di più elementare di una verdura, della frutta secca e un po’ di formaggio. Eppure nella sua semplicità questo piatto serve ad entrare in contatto con la filosofia di Retrobottega. Non servono voli pindarici per creare un gran piatto, bastano tre materie prime eccellenti, presentate in modo semplice e gustoso per dar vita ad un antipasto che è l’inizio di un percorso a salire verso l’estasi culinaria.

retrobottega roma

Non siamo nuovi agli accostamenti tra carne pesce, perciò calamari e cinghiale ci ha incuriosito. Il cinghiale è una delle carni più saporite che esistano, servito come tartare con una gelatina ricavata dal suo stesso fondo di cottura, ci si aspetterebbe un suo completo dominio sul calamaro, invece il piatto creato dai bottegai è inaspettato, spiazzante. Il calamaro arrostito, irrorato con l’olio di cottura del cinghiale diventa poderoso al palato, duella ad armi pari con l’intensità della carne, per poi lasciarsi andare in un abbraccio morbido delle nostre papille gustative.

retrobottega roma

Viviamo vicini a zone in cui le risaie fanno parte del paesaggio quotidiano, amiamo i risotti e ci piace scoprirne di nuovi. Il risotto di Retrobottega ci ha lasciato senza parole: stinco e mirtilli. Sinceramente faccio fatica a trovare un aggettivo che renda onore alla bontà di questo risotto, in cui il mirtillo viene presentato in forma di disco rosso che si fonde al riso e alla riduzione di stinco. Straordinario.

retrobottega roma

Seppie e patate, accostamento divino. Uno dei piatti più gustosi che ci sia mai capitato di mangiare. La seppia arrostita siede su un letto di patate schiacciate insieme allo scalogno. All’interno, nascosto, la sorpresa del nero di seppia. Ed infine delle chips di patate viola per un tocco croccante.

retrobottega roma

Il dolce è semplicemente perfetto per noi. Cioccolato, caramello salato e tripel. Tre ingredienti che amiamo tantissimo, tre ingredienti che si sposano a meraviglia tra di loro. Della tripel è stata usata solo la schiuma, per un tocco di classe che completa un dolce golosissimo.

retrobottega roma

RETROBOTTEGA ROMA: UN’ESPERIENZA DA RIPETERE

La cena da Retrobottega è stata qualcosa di unico, una insieme di piatti realizzati ad arte che sono andati ben oltre il semplice piacere gustativo, sono arrivati dritti nel cuore. È come se ognuno di quei cinque piatti fosse entrato in simbiosi con noi, regalandoci sensazioni meravigliose.

Il rapporto qualità-prezzo è sbalorditivo, 50 € per una cena di questo calibro sono anche pochi sinceramente.

retrobottega roma

Possiamo giurarvi che se torneremo a Roma, al 120% torneremmo da Retrobottega, anzi, ci piacerebbe provare il ristorante nel ristorante, la nicchia il cui accesso è in via d’Ascanio: un tavolo, cucina dedicata, solo sei posti e un menù degustazione limited edition.

Noi ve la lanciamo…se mai vi capitasse di dover fare un regalo a Spignattando e non sapete cosa scegliere, da Retrobottega ci sono i voucher regalo. Noi ve lo abbiamo detto.

 

INFO SU RETROBOTTEGA ROMA

  • Sito web: Retrobottega
  • Indirizzo: via della Stelletta 4
  • Prezzo medio a testa: 50 € bevande escluse
  • Spignattando vi consiglia: fate la formula degustazione Retrobottega da 5 piatti, fidatevi

You Might Also Like

No Comments

La tua opinione è importante

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: