IN VIAGGIO CON LA FORCHETTA, ITALIA

La cucina piemontese della Tenuta della Guardia

22 ottobre 2018
tenuta della guardia

Il Piemonte è una terra di grandi vini e ottimo cibo che scopriamo sempre con molto piacere. Abitando a pochi chilometri dal confine piemontese è un territorio con cui abbiamo un gustoso legame gastronomico e sconfiniamo spesso per delle gite all’insegna del buon cibo. La Tenuta della Guardia è una delle nostre ultime scoperte.

Abbiamo scoperto la Tenuta della Guardia, immersa nelle colline di Gavi, grazie ad una gita stampa organizzata da ICS Comunicazione. Il territorio di Gavi è un susseguirsi di dolci colline su cui si produce uno dei migliori bianchi del Piemonte, il Gavi DOCG.

La nostra gita piemontese è iniziata proprio da una delle storiche cantine del territorio, che ha dedicato la sua anima alla produzione di un vino di ottima qualità. La Scolca produce vini fin dal 1919, premiati e riconosciuti in tutto il mondo.

tenuta della guardia

Abbiamo ascoltato con attenzione la spiegazione dell’enologo su terroir e produzione, pregustando il momento dell’assaggio.

tenuta della guardia

Dopo esserci goduti il momento vinicolo, sempre grande vanto del Piemonte, ci siamo spostati di pochi chilometri per raggiungere la Tenuta della Guardia, un albergo gestito dalla stessa proprietà del Castello di Sillavengo. 

Abbiamo potuto ammirare la bellezza del paesaggio in cui è immerso l’albergo, dalla grande terrazza si può ammirare uno degli spettacoli più belli dell’autunno, il foliage. Il verde che circonda la tenuta e i grandi spazi interni, rendono La Guardia una location ideale per matrimoni.

tenuta della guardia

RISTORANTE LA GUARDIA

In terrazza abbiamo gustato un ricco aperitivo, in cui la parte del leone è recitata dalla testa in cassetta, un salume antico di Gavi presidio Slow Food. Si tratta di un salume in cui sono mischiati tagli meno nobili a parti più pregiate di bovini e suini.

Il sapore è travolgente. La compresenza delle carni è prepotente, ma è mitigato da una buona dose di spezie che lo rendono particolarmente gradevole accompagnato da una focaccia calda o del pane abbrustolito. 

tenuta della guardia
tenuta della guardia

Dopo questo ottimo aperitivo, ci siamo accomodati nel ristorante la Guardia per un tipico pranzo piemontese.

tenuta della guardia

L’antipasto è un tripudio di tradizione: vitello tonnato, peperoni arrostiti con l’immancabile bagna cauda, uno sformato di porri con fonduta e il capunet alessandrino (un involtino di verza riempito con salsiccia e carne trita).

tenuta della guardia

In Piemonte non esiste pranzo delle tradizione senza i favolosi agnolotti. Un piatto che adoriamo e che abbiamo mangiato in tre versioni: immersi nel vino rosso, col sugo al brasato e semplici con giusto una spolverata di Grana Padano. Li abbiamo spazzolati tutti…si nota abbastanza dalla foto?

tenuta della guardia

Di secondo ci è stato servito il filetto di maiale con salsa di mele al Gavi. Un piatto leggero e ben cucinato.

Un tipico pasto piemontese non può che terminare con il bonet. Particolarmente buono ed equilibrato quella della Guardia, che abbiamo spazzolato con molto piacere.

tenuta della guardia

Per una solida cucina di tradizione, immersa nel verde delle colline piemontesi, il ristorante la Guardia è la scelta giusta per voi. E, per smaltire, una bella pedalata con la e-bike noleggiate dalla Guardia potrà sicuramente aiutare.

You Might Also Like

No Comments

La tua opinione è importante

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: