CENA, MANGIARE A MILANO

Sine Milano: la Gastrocrazia by Roberto DiPinto

23 Marzo 2019
sine milano

Se un giorno uscisse un libro sulle maggiori filosofie in cucina, la gastrocrazia di Roberto DiPinto occuperebbe un paragrafo di primo piano. Il suo Sine a Milano è il regno dell’alta cucina a prezzi democratici, senza barriere che impediscano al cliente di raggiungere le vette della cucina gourmet.

Il concetto di gastrocrazia per DiPinto scaturisce da una volontà di essere più libero di esprimersi ai fornelli, dopo anni passati a dirigere, con ottimi risultati, la cucina di lusso del Bvlgari Hotel.

Dove siamo?

Sine è lontanino dalle zone gastronomiche di maggior interesse della città, ma potrebbe diventare ben presto un polo attrattivo non indifferente. Soprattutto con la costruzione della M4, raggiungere Viale Umbria sarà molto più semplice.

Il locale è carino, con luci al neon, pareti con richiami rosa e tropicali, arredamento elegante, ma non pomposo. Un locale che mette a proprio agio fin dalla calorosa accoglienza.

sine milano

DiPinto è protagonista del suo regno, uscendo spesso in sala e parlando con i clienti in modo sincero e appassionato. Capita raramente di vedere uno chef così affettuoso in sala. Pensate che ha preso lui stesso la nostra ordinazione!

Anche lo staff è molto alla mano ed è un aspetto che aiuta a stemperare la sottile tensione che viene spesso a crearsi in questo tipo di ristorante. Una battuta e una risata in più non fanno certo male allo spirito.

La cucina di SINE è aristocratica

Il percorso gastrocratico studiato da chef DiPinto si articola in cinque portate nel menù degustazione. Il via viene dato da un consommè d’anatra con caffè e funghi, in pieno stile orientale, a cui segue velocemente un esplosivo bignè dolce salato ripieno di cacio e pepe.

Inizio frizzante che prosegue richiamando le origini campane dello chef con Alici-Radici. Una base di verdure croccanti e dei filetti di alice nascosti sotto una cupola di mozzarella di bufala. Semplicemente spettacolare l’antipasto in cui freschezza, croccantezza e sapidità si coniugano perfettamente.

alici radici chef roberto di pinto

Il primo piatto è un classico moderno: i bottoni di lingua con rucola selvatica e vongole. Troviamo sempre più spesso questo primo piatto deciso e rustico, con cui gli chef vogliono misurarsi in accostamenti che esaltino la purezza del ripieno. Mare e terra sono perfettamente a loro agio nella pasta fresca.

sine milano

Il mare torna anche nel filetto di ombrina all’acqua pazza. Un piatto che ci ha immediatamente colpito per la freschezza dei sapori e l’intensità dei profumi. I pomodori datterini, la cipolla, la patata allo zafferano e soprattutto l’acqua di mare depurata con riduzione di pomodoro sono i cavalieri che accompagnano la regina ombrina. Un piatto signature dello chef, in cui esprime tutto l’amore per il suo territorio.

E, nei secondi, ritorna anche la terra, col diaframma accompagnato da wasabi napoletano. Il vero protagonista del piatto è il wasabi con ingredienti mediterranei che, insieme la carne, sprigionano a meraviglia il loro carattere.

Il menù gastrocratico si chiude alla grandissima con un dolce che è poesia: tiramisù ai funghi. No, non dovete storcere il naso. Il fungo Champignon crudo si presta benissimo a fare da parte leggermente croccante, senza risultare invasivo al palato. E la crema del tiramisù è talmente buona che ad ogni cucchiaiata si prova puro piacere culinario.

tiramisù ai funghi sine

I prezzi di SINE sono democratici

Potrebbe essere facile fare proclami di economicità e poi riservare al cliente qualche brutta sorpresa sullo scontrino. DiPinto invece è fedelissimo al suo mantra e da Sine Milano i prezzi sono davvero competitivi per un ristorante di tal leva.

Menù degustazione da 5 portate a soli 45 €, con abbinamento vini si sale di 16 €, rimanendo su un costo totale a persona molto basso per il livello alto del ristorante.

I progetti futuri di chef DiPinto, che abbiamo avuto l’onore di conoscere in anteprima, sono destinati a rendere Sine una meta ancora più ricercata per gli amanti della buona cucina.

Un ristorante con un rapporto qualità-prezzo del genere è merce rara a Milano e la gastrocrazia è decisamente pronta a prendersi il potere in città.

Info su SINE MILANO:

  • Sito web
  • Indirizzo: viale Umbria 126
  • Fermata metropolitana: in attesa della M4 (Blu)
  • Prezzo medio a testa: 50 €
  • Spignattando vi consiglia: il menù gastrocratico

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.