IN VIAGGIO CON LA FORCHETTA, ITALIA

Alla scoperta del Tenimento al Castello di Sillavengo

23 Maggio 2018
castello di sillavengo

È sempre un grandissimo piacere scoprire le meraviglie nascoste nella nostra Italia. Ics Comunicazione ci ha invitato alla media-presentation del Castello di Sillavengo e del suo ristorante Q33, per presentarci la bellissima dimora, oggi adibita a resort di charme, e l’ottima cucina piemontese del ristorante.

SI VA AL CASTELLO!

Il Castello di Sillavengo si trova immerso nella campagna novarese, in un ameno paesaggio agricolo. La struttura risalente al 1400 è stata completamente ristrutturata al suo interno dagli attuali proprietari, che hanno creato un resort dotato di ogni comfort.

castello di sillavengo

La splendida piscina, la spa nelle antiche grotte della ghiacciaia, le varie stanze dedite ai massaggi e un bellissimo cortile dove rilassarsi in mezzo all’orto del Castello.

castello di sillavengo

Il nostro tour alla scoperta del Castello di Sillavengo parte proprio da queste aree esterne, dove iniziamo anche a conoscere la cucina del ristorante annesso, il Q33. Un aperitivo con una serie di sfiziosi finger food, molti dei quali realizzati con prodotti dell’orto.

castello di sillavengo

castello di sillavengo

L’aperitivo serve per stimolare l’appetito, prima di passare alla visita dei piani superiori. Le camere sono molto grandi e spaziose, con bagni confortevoli ed ampi. Le suite sono a due piani e in una abbiamo visto anche uno stupendo bagno turco. Molti degli arredi in legno sono stati conservati nel tempo e danno alle camere un tocco vintage elegante.

castello di sillavengo

LA CUCINA DEL RISTORANTE Q33 AL CASTELLO DI SILLAVENGO

Dopo aver completato il giro, arriviamo alla parte migliore. La bella sala del ristorante Q33 ci aspetta per un pranzo tipico novarese. Lo chef Maurizio D’Andretta ha voluto farci scoprire la cucina del territorio, tramite piatti noti, ma anche chicche della cucina piemontese.

Un colorato antipasto a base di trota in carpione, con crema di pane affumicata, chips di verdure e provola affumicata da il via al nostro pranzo.

castello di sillavengo

Il primo piatto non poteva che essere uno dei cavalli di battaglia della cucina novarese: il risotto carnaroli al gorgonzola. Realizzato ottimamente, con una delicatissima spuma a completare il piatto.

castello di sillavengo

Il secondo è la chicca a cui accennavamo prima. Lo chef D’Andretta e la sua brigata hanno preparato il tapulone, piatto tipico di Borgomanero. Uno spezzatino d’asino tagliato finemente e cotto per molte ore, accompagnato da cubetti di polenta. La carne d’asino è eccezionale e il tapulòn si è rivelato un’ottima scoperta culinaria.

castello di sillavengo

Il nostro pranzo si è concluso col dolce signature del ristorante Q33, il latte in piedi. Una panna cotta al latte, con gelato ai piselli e frutto della passione. Un dolce audace, dal sapore insolito e davvero molto particolare.

castello di sillavengo

La giornata si è conclusa con un caffè e della pasticceria mignon sotto il grande patio che viene usato come principale location per matrimoni.

castello di sillavengo

Le ore trascorse al castello di Sillavengo sono state molto piacevoli, allietate da un buon pranzo piemontese e dal silenzio della natura che circonda il tenimento. Per staccare la spina e godersi un pieno relax lontano dalla città, il Castello di Sillavengo rappresenta una bellissima soluzione.

castello di sillavengo

You Might Also Like

No Comments

La tua opinione è importante

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: