MILANO DA MANGIARE

Yum: la cucina filippina contemporanea a Milano

28 agosto 2017
yum

La cucina asiatica ci intriga. Abbiamo finora fatto poche esperienze con questo tipo di cucina, ma è un mondo in cui vogliamo immergerci e scoprirlo. Fortunatamente Marvin Braceros ha deciso di venirci in aiuto e, a Milano, ha aperto il suo YUM: il nuovo ristorante filippino della città.

La cucina filippina è sempre stata lontana dai nostri radar, probabilmente perché meno conosciuta e perché, prima di YUM, non sapevamo nemmeno ci fossero ristoranti filippini a Milano. Braceros, però, ci ha detto che il suo ristorante è differente e la prova del gusto gli da assolutamente ragione.

L’ATMOSFERA MINIMAL DI YUM

Yum è in una zona molto carina di Milano, Solari, e il locale è più piccolo di quanto ci aspettassimo. L’atmosfera, però, è molto piacevole e rilassante. Ci ha fatto enormemente piacere vedere che, oltre a noi, gli unici altri clienti fossero tutti filippini. Un segnale di grande qualità e vicinanza alla reale cucina del paese asiatico.

yum

ALLA SCOPERTA DELLA CUCINA FILIPPINA

Prima di YUM non sapevamo nulla di cucina filippina, dopo YUM ce ne siamo innamorati. Si tratta di una cucina profondamente diversa dalle altre asiatiche. Ci sono meno spezie, meno sapori pungenti, c’è invece tanta frutta, tanto colore e tanta delicatezza.

Abbiamo iniziato da un antipasto di verdure in pastella accompagnate da salsa di arachidi e latte di cocco. Leggerissima e per nulla unta la pastella, buone le verdure e particolare la salsa. Ci sembrava di mangiare un burro d’arachidi liquido e, con le verdure, creava un interessante effetto straniante.

yum

Martina ha preso un antipasto più audace. Il Kulawang Talong, una melanzana grigliata su latte di cocco arricchita da verdure e frutta fresca. Un incontro tra il fuoco rappresentato dalla melanzana grigliata e la freschezza della terra, con le sue verdure, la sua frutta e il latte.

yum

Ancora più buoni i piatti principali. Marty, su consiglio di Marvin Braceros, ha puntato dritto sulla specialità della casa: il pansit. Spaghetti di riso con gamberi, calamari e pesce affumicato. Una bontà, freschissimi, sprigionanti un intenso sapore di mare.

yum

Io ho preso il Pork Jumbled Luzon. Una ricca scodella di riso con spezzatino di maiale, mango, ananas e anacardi, guarnito con salsa di adobo. Ho adorato la salsa di adobo, che potremmo definire una marinatura per il maiale, avvolgente e saporita. Il maiale è tenerissimo, ma è tutto l’insieme ad essere spettacolare. Un mix agrodolce di profumi e colori.

yum

Abbiamo finito al meglio con due ottimi dolci. Marty ha preso la torta YUM, una torta di patate viola guarnita con fragole fresche. La nostra amica Angelica di Destinazione Mondo 20 ci ha insegnato che la patata viola si chiama Ube ed è un alimento molto usato nella cucina filippina. La tortina è molto gradevole al palato e la sensazione granulosa della patata è piacevole. Un dolce sicuramente intrigante e curioso.

yum

Io ho preso un dolce che è già diventato uno dei miei preferiti. Senza saperlo ho scelto uno street food: i turon. Degli involtini dolci di pasta fillo ripieni di crema alla banana o alla patata viola, poi caramellati. Spettacolari, sono una bomba di gusto! Ne avrei mangiati a dozzine!

yum

IL CONTO DI YUM

Cucina ottima, fresca e dal prezzo più che ragionevole. Yum ha un rapporto qualità-prezzo molto conveniente e con una spesa di 25 € potrete mangiare un antipasto, un piatto e il dolce. Ottimo no? Noi abbiamo già voglia di tornarci, perchè abbiamo visto molti altri piatti interessanti sul menù!

Provate anche voi la cucina filippina contemporanea di Yum, siamo sicuri che saprà stupirvi!

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: